A Talamone titolo italiano U17 Slalom giovanile per Alessandro Iotti

A Talamone (Grosseto) si è disputata un’edizione del Campionato Italiano Giovanile Slalom Firerace 120 molto significativa: per la prima volta sono scesi in acqua giovani windsurfisti suddivisi nelle tre categorie under 15-under 17 e under 20 sulla nuova classe riconosciuta dalla FIV Federazione Italiana Vela quale propedeutica slalom under 20, che mette in campo tavole uguali monotipo modello RRD firerace 120 per tutti, anche se con vele personali nelle metrature scelte. Un importante step per la disciplina Slalom giovanile, che sostenuta dall’AICW, Associazione Italiana Classe Windsurf – vuole offrire ai ragazzi un’opportunità per regatare nella disciplina slalom senza avere alibi su tavole e pinne dalle continue evoluzioni e dai crescenti costi. Il Circolo Surf Torbole, come sempre in prima linea sull’attività dedicata ai giovani, è stato a Talamone con 5 ragazzi della categoria under 17, accompagnati dal coach Roberto Pasquini e dal Presidente Armando Bronzetti: una trasferta sicuramente positiva da più punti di vista, che ha visto Alessandro Iotti protagonista con la conquista del gradino più alto del podio negli under 17 dopo le sei heat disputate in condizioni di vento che solo in una giornata sono state utili per regate regolari, con raffiche più distese rispetto agli altri giorni sui 12-16 nodi. Iotti ha preceduto di oltre 3 punti il siciliano Nicolò Prestipino e il gallurese Dennis Porcu. Peccato che il portacolori del Circolo Surf Torbole Andrea Annoni, che per soli 0,3 punti non ha raggiunto il podio, piazzandosi al quarto posto. A seguire gli altri della squadra Tommaso Polettini , Mattia Ferraresi e Giovanni Boretto. Ottima l’organizzazione anche a terra del circolo TWKC, che ha accolto i regatanti e gli accompagnatori nel migliore dei modi. “Sono molto contento di aver vinto questo Campionato, perchè il primo riconosciuto dalla FIV Federazione Italiana Vela per lo slalom giovanile; non è stato facile vincere perchè avevo la vela non in ordine con alcune rotture, che non permettevano di rendere il massimo della potenza” – ha commentato al suo ritorno Alessandro Iotti.

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca