nogler

11 – 12 Agosto 2018

28° Trofeo Michele Nogler

Il Trofeo Michele Nogler è un’altra regata Slalom classica del Circolo Surf Torbole, nata a fine anni 80 e più precisamente nel 1989 proprio come la One Hour Classic. In ricordo di Michele Nogler, fratello dell’ex presidentissimo del Circolo Surf Torbole Giovanni (al suo primo mandato proprio nel 1989), è un immancabile appuntamento estivo, che si svolge sempre nel mese di agosto e che vede a confronto sia regatanti semiprofessionisti, che dilettanti, suddividendoli rispettivamente nelle due categorie racers e freeriders.

Memories: Nell’edizione disputata 10 anni fa tra i freeriders vinse l’attuale Presidente del Circolo Surf Torbole Armando Bronzetti, mentre Fabio Calò nel 2013 scrisse su 4Windsurf :“Molti gli assenti di spicco impegnati in regate internazionali, ma i presenti si sono dati battaglia fino all’ultimo. Da evidenziare l’ottima prova di Bruno Martini (il ragazzo è veloce, ha fisico e si allena tanto… ne sentiremo parlare a lungo…), del sempre costante Francesco Prati, e di tutti i giovani atleti che stanno venendo fuori dal Circolo Surf Torbole grazie al lavoro svolto di promozione dello Sport verso i più piccoli”. Come dire…quasi una profezia!

Giovanni Nogler:

I fine anni 80 sono stati  pieni di energie, anni in cui sono nate regate importanti come la One Hour, la Coast to Coast, il Magic Slalom, due Coppe del mondo e il “Trofeo Michele Nogler”, che è sempre stata la “regata sociale” del circolo; un momento, una occasione per riunirsi intorno al ricordo di mio fratello prematuramente scomparso travolto da una valanga e stare tra buoni amici. La manifestazione nacque inizialmente come combinata windsurf/mountain bike, ma via via è rimasta solo windsurf per oggettive difficoltà organizzative. Una cosa è rimasta immutata: l’emozione di vedere e premiare amici che ancora oggi si divertono a praticare e regatare (ad esempio Thomas Fauster) e chi, come mio fratello, non è più con noi! Da allora sono passate tante edizioni del Trofeo Michele Nogler, tanti sono stati i campioni che ho avuto il privilegio di premiare e stimare come atleti e come persone.”.

Start typing and press Enter to search